PADRE AMOREVOLE


Domenica 31 gennaio ricordiamo san Giovanni Bosco, singolare figura di educatore e padre della gioventù. Sappiamo che la sua azione pedagogica è fondata sulla pratica di un sistema preventivo che coinvolge ragione e fede Per lui educare comporta uno speciale atteggiamento dell’educatore e un complesso di procedimenti, fondati su convinzioni di ragione e di fede, sempre accompagnate dalla carità, la quale “soffre tutto, ma spera tutto e sostiene qualunque disturbo»”. Conosciamo il suo celebre trinomio nella formula: “Ragione, religione, amorevolezza”, volte a fare di un giovane un onesto cittadino perché buon cristiano.

Il termine “ragione” sottolinea, secondo l’autentica visione dell’umanesimo cristiano, quel vasto quadro di valori che è come il necessario corredo dell’uomo nella sua vita familiare, civile e politica. Don Bosco attribuiva molta importanza agli aspetti umani e alla condizione storica del soggetto; alla sua libertà, alla sua preparazione alla vita e a una professione, all'assunzione delle responsabilità civili, in un clima di gioia e di generoso impegno verso il prossimo.

Il secondo termine, “religione”, indica che l’obiettivo educativo ultimo che egli si propone è la formazione del credente. Non si tratta di una religione speculativa e astratta, ma di una fede viva, radicata nella realtà, fatta di presenza e di comunione, di ascolto e di docilità alla grazia.

Infine l’“amorevolezza” è qualità insostituibile, che comporta vera disponibilità dell’educatore per i giovani, simpatia profonda e capacità di dialogo. Con felice intuizione per s. Giovanni Bosco ciò che importa è che “i giovani non siano solo amati, ma che essi conoscano di essere amati” (“Lettera da Roma”, 1884). «Il vero educatore, dunque, partecipa alla vita dei giovani, si interessa ai loro problemi, cerca di rendersi conto di come essi vedono le cose, prende parte alle loro attività sportive e culturali, alle loro conversazioni; come amico maturo e responsabile, prospetta itinerari e mete di bene, è pronto a intervenire per chiarire problemi, per indicare criteri, per correggere con prudenza e amorevole fermezza valutazioni e comportamenti biasimevoli. In questo clima di “presenza pedagogica” l’educatore non è considerato un “superiore”, ma un “padre, fratello e amico”» (s. Giovanni Paolo II, Lettera Juvenum patris, 1988).

Questa caratteristica della paternità dell’educatore, così ben interpretata da san Giovanni Bosco, viene richiamata anche nella lettera di Papa Francesco sulla figura di san Giuseppe, quando si parla di “padre nella tenerezza”, per cui Gesù ha visto la tenerezza di Dio in Giuseppe. E nella esperienza personale di ciascuno l’educatore esercita la sua paternità se fa scoprire tale tenerezza: «Il dito puntato e il giudizio che usiamo nei confronti degli altri molto spesso sono segno dell’incapacità di accogliere dentro di noi la nostra stessa debolezza, la nostra stessa fragilità. Solo la tenerezza ci salverà dall'opera dell’Accusatore.

Per questo è importante incontrare la Misericordia di Dio, specie nel Sacramento della Riconciliazione, facendo un’esperienza di verità e tenerezza.» (Patris corde, 2) In questo l’educatore autentico non si confonde con l’ “Accusatore”. Ci aiuti san Giovanni Bosco a tradurre anche ai nostri giorni le sue intuizioni, nell'esercizio amorevole della responsabilità educativa , a livello familiare, ecclesiale, sociale.


                                                     Don Iginio


Catechesi per adulti e giovani - Programma catechesi di don Cesare

La riflessione di don Cesare verte su alcuni passi del libro degli Atti degli Apostoli, secondo il calendario qui pubblicato: 

* 25 gennaio: Pietro incarcerato e liberato (At 12,1-19); 

* 8 febbraio: Contrasti, incomprensioni e ritrovata intesa (At 15); 

* 22 febbraio: Paolo, apostolo sempre in viaggio (At 15,36-16,40); 

* 8 marzo: Gli orefici in rivolta (At 19,21-40); 

* 22 marzo: Paolo arrestato (At 21,27-23,11); 

* 19 aprile: Il viaggio verso Roma (At 27-28). 


S. Messe festive con i fedeli

È offerta la possibilità di prenotarsi per confermare la propria presenza alla S. Messa, scegliendo secondo il programma in vigore delle S. Messe festive della vigilia e della festività.

Via telefono: confermare la presenza telefonando a uno di questi numeri il sabato (dalle 9,30 alle 12,00): 340.2785334 / 388.8051622.

Via Web la procedura da eseguire e la seguente (salvo diverse indicazioni, è possibile prenotare la Santa Messa dal sabato mattina che precede la celebrazione):

* effettuare la registrazione (solo per la prima volta)
* arriverà in automatico una mail di richiesta conferma attivazione riportando i dati di accesso al sistema. Conservate la mail.
* per prenotare andate alla pagina prenotazioni, selezionare il giorno e la Santa Messa che intendete partecipare utilizzando la  mail e la password scelta in fase di registrazione
* in automatico vi arriverà una mail di confermata prenotazione

Nel caso di smarrimento della password, o per qualsiasi chiarimento inviate una mail all'indirizzo presenzamessa@sanbiagiocodogno.it (non utilizzate questa mail per prenotare).

 



VITA PARROCCHIALE NOTIZIE E APPUNTAMENTI

 
 
 

La settimana in Parrocchia

Venerdì 22 gennaio

* ore 18,30 per II-III media: catechesi on line


Domenica 24 gennaio - Domenica della Parola di Dio – Giornata dei malati di lebbra

- Festa di san Bassiano in parrocchia

Il formulario delle Messe sarà quello della festa di san Bassiano

* Ore 9,45 Messa ai Frati gruppo I-IV elem. e famiglie

* Ore 11,00 Messa ai Frati gruppo V elem., Medie, Superiori


Lunedì 25 gennaio Conversione di s. Paolo apostolo

Inizio novena San Biagio (fino al 2 febbraio)

* ore 18,00 adolescenti cappella Oratorio

* ore 21,00 in chiesa parrocchiale: catechesi adulti e giovani con don Cesare; termina alle 21,45 (trasmessa in streaming); tema: Pietro incarcerato e liberato (At 12,1-19).


Venerdì 29 gennaio

* ore 18,30 catechesi II-III Media in presenza


Sabato 30 gennaio

* ore 10,00 in chiesa parrocchiale: confessioni ragazzi iniziazione cristiana ( elem. – I Media)


Domenica 31 gennaio Festa di s. Giovanni Bosco

* ore 9,45 Messa ai Frati gruppo I-IV elem. e famiglie

* ore 11,00 Messa ai Frati gruppo V elem., Medie, Superiori

* ore 19,00 incontro giovani


Lunedì 1 febbraio

* ore 18,00 catechesi adolescenti on line


Martedì 2 febbraio - Presentazione di Gesù al Tempio

Giornata mondiale della Vita Consacrata

ore 9,00 in chiesa parrocchiale: benedizione delle candele con processione e celebrazione della S. Messa della festa della Presentazione di Gesù al Tempio (Candelora);

* ore 17,30 in chiesa parrocchiale: primi vespri di san Biagio

* ore 18,00: S. Messa della vigilia della solennità di san Biagio


Mercoledì 3 febbraio   Solennità di San Biagio patrono della città 

S. Messe in chiesa parrocchiale: ore 7,30. 9,00. 10,30. 18,00.

* ore 10,15 omaggio della Municipalità al Santo Patrono; ore 10,30 concelebrazione eucaristica

* ore 17,30 celebrazione dei secondi vespri di S. Biagio



 

CALENDARIO LITURGICO SETTIMANALE

 
 
 

22 VENERDÌ

Ore 9 Parrocchia def. Mariuccia Morelli – Ore 16,30 Santuario – Ore 18 Parrocchia def. Marchesi Pietro


23 SABATO, mem. S. Maria in sabato

Ore 9 Parrocchia def. con. Irma e Lino – S. Messe Festive della vigilia – Ore 16,30 Santuario – Ore Parrocchia 18 def. con. Visigalli Maria e Calvi Pietro

ORE 17-18 TEMPO per le S. CONFESSIONI


24 DOMENICA – IIIa Settimana del Tempo Ordinario – Domenica della parola di Dio – Giornata mondiale dei malati di lebbra – Liturgia delle Ore: Salmodia IIIa settimana

Ore 7 Parrocchia def. Daniela Migani – Ore 8,30 Parrocchia (radiotrasmessa) – Ore 9,45 Chiesa dei Frati – Ore 10 Parrocchia (trasmessa in streaming e radio) def. Riva Danilo e Bravi Giulia – Ore 11 Chiesa dei Frati def. Sergio, Angela e fam. –  Ore 11,15 Parrocchia per TUTTA LA COMUNITÀ (radiotrasmessa) – Ore 16,30 Santuario def. classe del ‘51 – Ore 17.30 Parrocchia S. Rosario (radiotrasmesso) – Ore 18 Parrocchia def. Montanari Pietro e fratelli


25 LUNEDÌ, Festa, Conversione S. Paolo, apostolo

Ore 9 Parrocchia def. Bonini Giuseppe – Ore 16,30 Santuario def. Alberto, Bruno, Lina, Nene, Gianni e Giovanni – Ore 18 Parrocchia def. Minoia Maria


26 MARTEDÌ, mem. Ss. Timoteo e Tito, vescovi

Ore 9 Parrocchia def. Aurelia, Antonio e Umberto – Ore 16,30 Santuario – Ore 18 Parrocchia def. Attilia, Michele e Antonio


27 MERCOLEDÌ

Ore 9 Parrocchia def. Antonella – Ore 16,30 Santuario – Ore 18 Parrocchia def. Giuseppina Zanoncelli


28 GIOVEDÌ, mem. S. Tommaso d’Aquino, sacerdote e dottore della Chiesa

Ore 9 Parrocchia def. Brugnoli Tullio e nipote Francesco – Ore 16,30 Parrocchia Santuario def. Giovanni e Ernesto – Ore 18 Parrocchia Ufficio defunti raccomandati dalla Pia Opera del Suffragio


29 VENERDÌ

Ore 9 Parrocchia def. Mons. Gennari Giuseppe – Ore 16,30 Santuario – Ore 18 Parrocchia def. fam. Brugnoli e De Luca


30 SABATO, mem. S Maria in sabato

Ore 9 Parrocchia def. Lazzarin Valentino e familiari – S. Messe festive della vigilia – Ore 16,30 Santuario – Ore 18 Parrocchia def. Visigalli Antonietta

ORE 17-18 TEMPO per le S. CONFESSIONI